CLEYOCI MAGAZINE

foto_citta

Biberon di vetro o biberon di plastica?

Nadime Meroueh

30 06 2019


Biberon e stoviglie di plastica alimentare per bambini: CANCEROGENI
Uno studio europeo su 450 campioni dice che il materiale plastico cede sostanze nocive: meglio il vetro.

Dal giugno 2011 i biberon di policarbonato accusati di cedere bisfenolo A (BPA) non sono più in commercio e le aziende utilizzano nuovi materiali che però risultano avere qualche problema.

I ricercatori dell’European Commission Joint Research Centre (JRC) di Ispra, hanno condotto uno studio approfondito (*) su 450 biberon ottenuti con differenti tipi di plastica, acquistati in vari Stati europei, per valutare il livello di migrazione. Nella lista troviamo bottiglie in polietersulfone, poliammide, polipropilene, silicone e anche in policarbonato che all’inizio della ricerca non era ancora stato vietato.

I risultati sono abbastanza sorprendenti perché, se nelle bottiglie in policarbonato il rilascio di bisfenolo A è minimo, in quelle di poliammide sono state rilevate quantità elevate. Anche nelle bottiglie in polipropilene e silicone si è registrato il rilascio di sostanze che non figurano nell’elenco dei materiali ammessi al contatto con gli alimenti.

Il problema per i biberon in silicone riguarda la migrazione di ftalati (tristemente noti per la loro pericolosità) la cui presenza è stata riscontrata in quantità rilevante (nello specifico si tratta di DiBP , DBP e DEHP).

Anche nelle bottiglie di polipropilene (PP) si è riscontrata una migrazione di sostanze non ammesse. Il DIPN (di-isopropilnaftalene) è stato trovato nel 45% delle 149 bottiglie analizzate.

Una cosa è certa, il vetro è praticamente inerte e per l’alimentazione del neonato nei primissimi mesi di vita va preferito rispetto alle materie plastiche.

LA SALUTE DEI BAMBINI VA TUTELATA

Nadime Meroueh per Cleyoci
Fonte: @bluemarinecommunity

visualizzazioni: 143


CONDIVIDI

AUTORE


Nadime Meroueh

EVENTI ORGANIZZATI: 12